Deroghe generalizzate per tutte le società di capitali in relazione ai tempi di convocazione dell’assemblea per l’approvazione del bilancio dell’esercizio chiuso al 31 dicembre 2019

RIFERIMENTO: Art. 106 DECRETO CURA ITALIA - D.L. 18/2020

1) BENEFICIARI: Società di capitali

2)PROROGHE: L’assemblea ordinaria per l’approvazione del Bilancio è convocata entro 180 giorni dalla chiusura dell’esercizio cioè entro il 28 giugno 2020 (In deroga a quanto previsto dagli articoli 2364, comma 2, e 2478-bis, cod. civ. o alle diverse disposizioni statutarie). Il termine dei 180 giorni viene considerato “Ordinario”, trattandosi di un termine già previsto da una norma di legge. Non si deve attestare la “proroga” con alcuna delibera dell’organo amministrativo;

Le SRL che rientrano tra quelle obbligate alla nomina dell’ Organo di Controllo* devono adempiere a tale nomina entro la data di approvazione dei bilanci relativi all’esercizio 2019 (quindi con il nuovo termine dei 180 giorni);

I termini di versamento delle imposte societarie (Ires e Irap) a saldo per il 2019 e primo acconto 2020 slittano all’ultimo giorno del mese successivo a quello di approvazione del bilancio: 31 luglio 2020 (senza alcuna maggiorazione), ovvero al 30 agosto 2020 (con la maggiorazione dello 0,4%);

D.L. 2 marzo 2020 n. 9 (valido per società di capitali e società di persone): Proroga delle procedure di allerta contenute nel Codice della Crisi d’Impresa: Gli obblighi di segnalazione della crisi d’impresa a carico degli organi di controllo e revisori legali dei conti ( nonché dei creditori pubblici qualificati) slittano al 15 febbraio 2021; la precedente scadenza era stata prevista per il 15 agosto 2020.

3) ALTRE MODIFICHE: Gli avvisi di convocazione delle assemblee ordinarie e straordinarie delle società di capitali possono prevedere che la riunione e l’esercizio del voto avvengano con strumenti telematici ed elettronici. Deve essere garantita l’identificazione dei partecipanti e assicurato il controllo dell’effettiva partecipazione nonché dell’effettivo esercizio del diritto voto. Non è richiesto che il presidente e il segretario dell’assemblea si trovino nello stesso luogo;